La Ricerca

QUANTUM CLINIC basa la sua ricerca:

  1. sullo studio del comportamento energetico e morfogenetico della vita (Biofisica Quantistica)
  2. sullo studio degli esseri viventi e dei loro costituenti come parti di una rete complessa, interconnessa e interdipendente (Biologia dei Sistemi Complessi)
  3. sullo studio delle interazioni tra i fattori ambientali e il patrimonio genetico (Epigenetica) allo scopo di:
  4. sullo sviluppo della neurofisiologia dei network di interazione tra mente, cervello e tessuti periferici (Connettomica).

Le nuove esperienze ottenute con la percezione attraverso il metodo Burgarella Quantum Healing (BQH)[R] modellano continuamente le connessioni sinaptiche dei nostri circuiti neuronali, tramite un processo di ”encoding”, interferendo con il ricordo emozionale che conserviamo delle recedenti esperienze, secondo il concetto del “condizionamento operante di Skinner e l’apprendimento per rinforzo”. Ogni esperienza traumatica genera a sua volta una nuova forma di apprendimento che si deposita nella memoria a lungo termine del sistema nervoso autonomo, secondo il processo del “condizionamento al contesto”. In questo modo l’intero contesto di una situazione vissuta come traumatica diventa uno stimolo condizionante efficace ad avviare “in automatico”, il riflesso di attacco, difesa o paura. Per risolvere il problema in termini neurofisiologici occorre destrutturare gli schemi cognitivi alla base dei riflessi condizionanti precedenti per costruirne di nuovi, alla luce della realtà attuale.

QUANTUM CLINIC insegna ad utilizzare i principi di Burgarella Quantum Healing (BQH)[R] per cambiare il pattern energetico informazionale legato al riflesso di attacco, difesa e paura modificando, a sua vota in automatico, la risposta secondo il pattern energetico armonico instaurato con i principi della non località seguenti l’Entaglement, la Discontinuità e la Gerarchia Intricata. Le recidive di manifestazioni cutanee in Dermatologia e di possibili riacutizzazioni infiammatore articolari in Reumatologia potrebbero anche essere interpretate come riflessi condizionati appresi con l’esperienza che si riattivano in presenza di uno stimolo condizionante memorizzato al momento dell’esperienza traumatica. Non è facile però recuperare il ricordo del momento cruciale perché uno dei meccanismi di difesa automatici che attiviamo di fronte ad un grosso trauma emotivo è proprio la rimozione. A questo problema puoi però ovviare con la percezione BQH ed il “copia – incolla” delle informazioni di salute presenti prima del trauma in modo da attuar e la trasformazione attraverso la sostituzione del pattern energetico con il fenomeno fisico dell’entrainment.

QUANTUM CLINIC sperimenta empiricamente il “Campo Informato”

“Se abbiamo conoscenze empiriche, percezioni, esperienze di un cosa, diventiamo quella cosa”. Questa affermazione dei sacri testi delle filosofie indiane però essere portata alla interpretazione del nostro rapporto con il Campo Unificato, che cercheremo di qualificare. Se lo abbiamo sperimentato empiricamente con la consapevolezza della non consapevolezza ad esempio, diventiamo noi il Campo Unificato. Ma quali sono le qualità di questo campo che possiamo sperimentare con la consapevolezza del nulla, quale quella esistente nello spazio tra due pensieri? Il Campo Unificato rappresenta il potenziale assoluto delle leggi della natura a cui fanno capo le quattro forze fondamentali della natura, quali:

  1. la forza della gravità che fa girare la terra e la “tiene insieme”
  2. la forza elettromagnetica dalla quale dipende la luce, il calore, l’elettricità, quella che nella vita ci appare come energia.
  3. l’interazione forte che mantiene uniti i nuclei degli atomi.
  4. l’interazione debole che produce il decadimento radioattivo e la trasmutazione degli elementi.

Tutte queste forze sono organizzate nel Campo Unificato, il quale organizza tutti gli aspetti della creazione. Il potere ordinatore del Campo Unificato è illimitato. Nel corpo umano è questo potere ordinatore che permette la possibilità che avvengano miliardi di reazioni chimiche al secondo. Esperimentare in modo empirico il campo, che contiene in sé la nostra vera natura, ci porta automaticamente a introdurre in noi l’infinito potere ordinatore. Dimorare in questo campo significa dimorare nell’intelligenza della creazione. Il Campo Unificato è dunque il campo della consapevolezza primordiale, quella che esisteva prima della mente e della materia. E’ il campo della pura consapevolezza, dove ogni eventualità si può verificare grazie all’”attenzione”, qualità che è insita nel campo stesso. Grazie alla “seconda attenzione” presente nel campo, alla accettazione senza giudizio delle percezione In Burgarella Quantum Healing [R],  la percezione BQH attinge, alla esperienza pura, alla potenzialità di avere conoscenza esperienziale di quello che era, che è , e che sarà, non avendo limiti di tempo, né di spazio. La consapevolezza del Campo Unificato ci eleva verso uno stato di consapevolezza superiore di cui più ne siamo consapevoli e più l’elevazione di coscienza si espanderà. L’esperienza del Campo Unificato è una esperienza di libertà, che deriva dalla conoscenza empirica della natura di ogni uomo che è rappresentata dalla gioia di vivere ogni manifestazione; vivere questa esperienza coincide con l’Esistere, dove la libertà è la capacità di godere delle scelte fatte in ogni istante del momento presente. Quando per il fatto stesso di esistere ci sentiamo felici ci troviamo in uno stato di beatitudine che è connaturato al campo, alla natura stessa dell’esistenza; è espressione del puro amore di cui ne diventiamo espressione. Per rendere concrete nella nostra consapevolezza le caratteristiche del Campo Unificato dobbiamo.

  1. Essere coscienti della sua esistenza.
  2. Essere consapevoli che l’”attenzione” gioca un ruolo fondamentale, che causa l’evento spazio – temporale nel campo delle possibilità esistenti. Se si volge l’attenzione ad una determinata caratteristica del campo questa viene rivelata nella consapevolezza e diventerà una possibilità che si potrà realizzare concretamente nella vita.
  3. Farne esperienza diretta attraverso la percezione BQH che ci permette di raggiungere, attraverso modificazioni dello stato di coscienza, la consapevolezza della non consapevolezza, che coincide con il Campo Unificato.
  4. Rendersi gradualmente conto di come la nostra attività sia influenzata nella realtà dalle caratteristiche del campo e cominciare a dare corpo alle sue proprietà nella quotidianità.